Pubblicato da: VBP | 22 febbraio 2015

ASSEMBLEA ANNUALE VALLE BELBO PULITA 2015

Carlo Facebook Relazione di Gian Carlo Scarrone 18/02/2015

Il lavoro che ha svolto Valle Belbo Pulita in questi 7 anni  dal 2008 (quando è nata) è stato finora, anche lavoro sporco,… sporco perché è quello della denuncia e degli esposti,    ma propositivo per quello della sensibilizzazione  Ho detto denuncia, si e purtroppo mettendoci la faccia, la faccia e la firma, quella faccia che molte volte soggetti competenti territorialmente non vogliono mettere….. per non perdere consenso,……  la natura non vota mai,

A volte si preferisce perfino ignorare, nascondere la testa sotto la sabbia come gli struzzi, perché se la gente sa, la comunità, i cittadini, sanno.. che i preposti sono edotti,  e quindi conoscono,    dovrebbero anche……….  la nostra parte non è stata facile.  Il nostro compito però non è stato solo quello della denuncia e della sensibilizzazione, ma anche quello di rendere edotte le giovani generazioni sui loro diritti e sui loro doveri, e comunque pretendere di avere acqua e aria pulita.

Con i nostri laboratori nelle scuole anche in preparazione dei Concorsi di Valle Belbo Pulita, abbiamo insegnato loro il rispetto per l’ambiente in generale in quasi tutti i plessi scolastici in valle Belbo. Siamo anche quindi una associazione di cultura ambientale  Abbiamo potuto constatare, che molte volte, i giovani non sanno distinguere ambientalmente, cosa è il lecito o cosa è l’illecito, hanno ricevuto dalla nostra generazione pessimi esempi   e imparato da pessimi modi di dire .

VALLE BELBO PULITA  ha preparato collettivamente e singolarmente i giovani, a non pensare come singoli portatori di tutti i diritti,  ma come soggetti di comunità, con la coscienza e il pensiero del rispetto dei diritti altrui, quelli dei  cittadini inseriti in una comunità di valle, e il pensare comunque sempre come comunità di valle.

Si sente sempre più parlare di Ambiente di Ecologia in tutti i campi, tutti i media  parlano di ambiente e… intanto con l’ambiente qualcuno si arricchisce… ma…il profitto a tutti i costi, non porta mai il bene ambientale.  Spero che non l’abbia comunque sempre vinta, chi con ipocrisia predica il bene comune, l’ipocrisia con la corruzione è il male peggiore del nostro tempo, il vero  cancro della nostra società.  Si vuole arrivare comunque, ad ogni costo, anche a scapito degli altri, con metodi scorretti, con concorrenza sleale, sia nella sfera privata che produttiva.

L’alternativa al ieri 2008, (anno della nostra nascita) era di lasciare le cose com’ erano, lasciare il Belbo nero, puzzolente, privo di ogni forma di vita.

L’alternativa  era pensare ai fatti nostri, lasciare che il Belbo che  scendendo da monte a valle non portasse l’acqua che è la nostra vita, ma trascinasse a noi i veleni, lasciando che tutte le comunità di valle si rassegnassero senza combattere. Perché è proprio questo che qualcuno voleva, qualcuno voleva per i propri interessi e profitti privati la rassegnazione delle comunità di tutta la valle

Una comunità rassegnata non ha futuro

Chi ci giudica oggi, chi giudica il nostro movimento di cultura ambientale, con sufficienza o peggio con avversione e malevolenza, sono convinto che avrà molto presto la rivolta dei propri figli o nipoti.   La nostra è una associazione che ha lavorato  principalmente per rendere nuovamente pulita l’acqua del Belbo ma… anche per ripristinare nelle menti il corretto uso di un bene comune come l’acqua.  Abbiamo vissuto, almeno quasi la totalità del nostro tempo, con il preciso imperativo morale, del miglioramento delle acque del Belbo e del Tinella.  I nostri sono stati per noi 7 anni di intenso e sereno lavoro, senza ignavia e senza alcun compromesso che non portasse a quel miglioramento.

Sereno è stato Il nostro impegno, perché oltre a denunciare, siamo sempre propositivi, ci presentiamo mai impreparati, perché siamo consapevoli che il nostro e un vero servizio a favore dei cittadini della nostra città e della intera valle  e quindi di tutta la  comunità di valle.  Ho la speranza,  che  con ancora un pò di tempo, e ne sono convinto, tutta l’acqua del Belbo e Tinella  tornerà ad essere pulita, certamente non come una volta, a causa della peculiarità di un territorio, con troppe  attività produttive sproporzionate alla portata idrica del suo torrente.  Noi con la nostra associazione ne usciremo certamente orgogliosi e a testa alta. 

Cosa che altri non potranno vantare.

Siamo certi di aver lavorato senza nessun interesse, con coerenza per quello che è la cornice dell’opera.

La cornice dei paesaggi dell’UNESCO, sono appunto le acque dei torrenti Belbo e Tinella, quelle che fanno anche da corona ai “Paesaggi vitivinicoli delle Langhe e Monferrato” il nostro Patrimonio   Ora non solo più il nostro, ma dell’intera UMANITA’ quindi è nostro dovere difenderlo e preservarlo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: