Pubblicato da: VBP | 11 luglio 2009

Le acque del Belbo mutano rapidamente di aspetto

 

Le acque del Belbo mutano rapidamente di aspetto. In questi giorni appaiono verdi, con lunghe lingue di alghe che si allungano, seguendo la debole corrente. Molti cittadini della valle le osservano con curiosità e si domandano il perché del fenomeno.  La spiegazione  la fornisce  l’Associazione “ Valle Belbo Pulita”.

Secondo noi  il fenomeno è dovuto

  1. all’ aumento della temperatura dell’acqua
  2. alla diminuzione della portata del torrente
  3. alla concentrazione  di concimi chimici e organici usati in agricoltura
  4. all’ abbondanza di sostanze nutrienti che derivano da   acque reflue da scarichi civili e da scarichi da attività produttive con acque assimiliabili  alle urbane.

 A prima vista la proliferazione di alghe che colorano di verde il fondo del torrente appare come un fenomeno del tutto naturale: le sostanze nutrienti  incentivano la crescita di forme vegetali acquatiche che contribuiscono al  potere di auto-depurazione  del torrente.

 Però la situazione non è stabile in quanto la temperatura delle acque  con l’ estate è  destinata ad aumentare e la portata del Belbo a diminuire.

 Aumentando a dismisura la quantità abnorme delle alghe  si verificherà un forte prelievo di ossigeno e quando questa sostanza non sarà più sufficiente permettere la vita di tutte le alghe  inizierà inevitabilmente il processo di eutrofizzazione  del torrente:  una condizione di eccessiva ricchezza di sostanze nutritive, nello specifico una sovrabbondanza di  azoto, di fosforo ecc…

L’accumulo di tali elementi  causa la  proliferazione di alghe microscopiche che, a loro volta, non essendo smaltite dai consumatori primari (pesci e animali acquatici, anatre ecc..), determinano una maggiore attività batterica. Aumenta così il consumo globale di ossigeno. La carenza  di questo ultimo provoca alla lunga la morte di tutte le forme viventi.

Questo fenomeno è stato riconosciuto come una delle cause che generano inquinamento delle acque.

Le alghe ora verdi e non spiacevoli anche alla vista,  tenderanno a colorarsi di marrone e poi di nero. A quel punto inizierà l‘agonia  del nostro Belbo e  tutto morirà, alghe comprese.

Il Presidente  Gian Carlo Scarrone

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: